lombalgia e osteopatia

Il mal di schiena: sintomi, cause e… osteopatia

Lombalgia: i sintomi del mal di schiena

Il mal di schiena è una delle sindromi dolorose più diffuse in età adulta. Riguarda soprattutto persone tra i 40 e 50 anni, anche se è molto frequente a tutte le età, ed è la principale causa di assenza dal lavoro in Italia.

Il mal di schiena si presenta come un forte dolore in zona lombare. Se acuto, può rendere difficile muoversi, con la sensazione di essersi “bloccati”. Il dolore si può allargare anche ai fianchi e ai glutei, diventa difficile stare in piedi, le gambe sono pesanti e deboli. Spesso non esiste posizione che faccia diminuire, se non momentaneamente, il dolore. Talvolta al mal di schiena si accompagna anche l’infiammazione del nervo sciatico (sciatalgia) con conseguente bruciore e formicolio agli arti inferiori.

Le cause del mal di schiena

Le cause del mal di schiena possono essere molte: a volte il problema risiede proprio nelle vertebre della colonna lombare, altre invece l’origine del problema è più distante.

Oltre alle conseguenze dovute a traumi e incidenti, artrosi e discopatia (ovvero la degenerazione delle vertebre e dei cuscinetti posti tra esse principalmente dovuta all’età) sono spesso alla base del mal di schiena cronico. Anche ernie e protrusioni possono dare molto fastidio, se non essere addirittura invalidanti, per la zona lombare. La conseguenza più diffusa di questi problemi è che tutta la muscolatura della schiena si contrae per proteggere la colonna in difficoltà generando dolore. In questi casi, e in tutti i casi in cui si ha il dubbio ci possano essere problemi di questo tipo, è importante rivolgersi al medico che consiglierà l’esame più adatto per capire quale sia il problema, prima di trovare la terapia più adatta.

Spesso però, la causa del mal di schiena non è da ricercare nella colonna. Gli effetti sulla schiena (dolore alla pressione sulle vertebre, dolore al movimento, tensione dei muscoli lombari) sono solo la conseguenza di problemi che risiedono altrove e a cui spesso non si pensa. Se gli organi che si trovano vicini alla zona lombare oppure i muscoli che si attaccano alla schiena sono irritati, tesi o funzionano male, provocano infiammazione alle strutture che hanno attorno vanno a pesare proprio su bacino e schiena.

Perché rivolgersi ad un osteopata

L’osteopata ha il compito di valutare la storia clinica del paziente e ricercare tutte le possibili cause della tensione. Le strutture che l’osteopata indaga in caso di mal di schiena sono:

  • Vertebre e muscoli della colonna lombare
  • Intestino
  • Reni
  • Diaframma
  • Muscoli dell’anca e del bacino (psoas, glutei…)
  • Postura del bacino e della colonna dorsale
  • Circolazione dell’addome

Sia che la causa sia vertebrale oppure delle strutture vicine, l’osteopata può essere davvero un valido aiuto per risolvere il problema. Attraverso delle tecniche specifiche di massaggio e mobilizzazione, l’osteopata riporta la corretta postura a tutta la colonna e al bacino, rilassa i muscoli della schiena, migliora la circolazione nella zona addominale e lavora sugli organi addominali riportandoli alla normalità.